sabato 30 aprile 2016

1° Maggio 2016: L'orchestra Mancina a Taranto


(Orchestra Mancina, immagine tratta dal web)




Domenica 1° Maggio l'Orchestra Mancina si esibirà a Taranto. Il Concerto di Taranto rappresenta una tappa fondamentale per la storia dell'intero gruppo. Un grande in bocca al lupo ragazzi!

Per maggiori informazioni visita il sito orchestramancina.it 




(Orchestra Mancina, immagine tratta dal web)




I componenti:

Batteria: Marcello Defelice

Basso: Nicola Spera

Chitarra solista:  Giuseppe D'Amati 

Trombone: Maurizio Cardone

Sax: Ferdinando Filomeno

Tromba: Giuseppe Angelini

Voce: Antonio Tinelli 



Uno dei componenti del gruppo è il nostro concittadino Ferdinando Filomeno.

(Ferdinando Filomeno al sax, immagine tratta dal profilo facebook di Ferdinando Filomeno)









mercoledì 27 aprile 2016

Caelium: "I colori della fisarmonica"








Ricevo e pubblico con piacere




CONCERTO DI FISARMONICA

Francesco Palazzo

sabato 30 aprile 2016, ore 20,00

 
(Francesco Palazzo)





Ancora intense emozioni musicali all’Associazione Caelium di Ceglie Messapica. Sabato 30 aprile 2016, ore 20,00 presso il Teatro Comunale di Ceglie Messapica si esibirà Francesco Palazzo (Martina Franca 1969) artista poliedrico.
Di lui dice Aldo Ciccolini :
Francesco Palazzo e' un musicista di grande razza, dotato di qualità espressive e tecniche perlomeno prodigiose; un elemento dunque, che fa assurgere la fisarmonica a cime artistiche insospettate.
Ancora Sergio Calligaris:
...arte comunicativa e raffinata, cura esemplare della dinamica, bellezza del suono, interpretazione semplicemente stupenda.
Francesco Palazzo ha ricevuto una Menzione Speciale “S. Gubaidulina” all’ “Ibla Grand Prize” 2001 e 2002 ha ottenuto la possibilità di esibirsi in concerto in prestigiose sale degli Stati Uniti e d’Europa ( New York - Lincoln Center , Alice Tully Hall, NY University, IIC Amsterdam). Ha svolto inoltre un’importante attività concertistica nelle principali città italiane e all'estero (Olanda, Germania, Polonia, Russia, Albania, Congo) per importanti associazioni concertistiche e rassegne musicali. Ha condotto una personale ricerca tecnica ed espressiva, basata anche su confronto con altri strumenti, che lo ha spinto a rifondare la sua tecnica esecutiva su basi nuove e a progettare e far costruire uno strumento da concerto più rispondente alle rinnovate esigenze artistiche. Dal 1993 è docente di Fisarmonica presso il Conservatorio “N. Piccinni” di Bari; parallelamente all’attività concertistica e di insegnante, svolge quella di revisore e compositore con svariate pubblicazioni di trascrizioni, adattamenti e proprie composizioni per fisarmonica oltre ad una importante opera di carattere didattico intitolata “Fondamenti di Tecnica Fisarmonicistica”, per la Berben edizioni musicali e per la Physa Ed. Musicali. Ha inciso per la Sorriso Ed. Mus., Rugginenti e, come solista per la Phoenix Classics, un recital comprendente musiche di J. S. Bach, C. Franck, F. Lattuada, F. Alfano, L. Ferrari-Trecate, S. Calligaris, B. Bartolozzi e S. Gubaidulina e per Digressione Music. Con quest’ultima ha pubblicato "Movimento Perpetuo", un lavoro discografico sulla letteratura originale di avanguardia per fisarmonica degli ultimi quarant'anni con musiche di Andriessen, Hosokawa, Lundquist, Palazzo, Gubaidulina, Tailleferre, Schmidt, di Gesualdo e "FOLKSONGS!", con il mezzosoprano Tiziana Portoghese. In ambito cameristico e orchestrale sono da segnalare importanti collaborazioni. Le sue esecuzioni e composizioni sono state trasmesse da RadioTre, Radio Vaticana, Radio Classica Network e altre emittenti europee. Nel Maggio 2011 al Teatro Petruzzelli di Bari ha eseguito, in prima esecuzione assoluta, un concerto per fisarmonica solista e orchestra, scritto per lui dal compositore Vito Palumbo.
Palazzo sarà impegnato anche in mattinata presso il teatro di Ceglie in due lezioni concerto per studenti delle scuole di Ceglie Messapica, che si terrà il 30 aprile 2016 alle ore 11,00 mentre il 14 maggio, sempre alle ore 11.00, sarà la volta della Lezione-concerto del gruppo i "I Teatralmusicanti" in Napoli: Anema e Core. 
Il Programma della serata del 30 aprile prevede l’esecuzione di musiche di alcuni maestri tra cui:
J. S. Bach                       Preludio e Fuga in Do magg. BWV 846
(1685-1750)
S. Gubaidulina               De profundis
(1931)

C. Franck                       Prélude, Fugue et Variatiòns
(1822-1890)                   
I.Albeniz                        Asturias
(1860-1909)                   
M. Gianfreda                  Preludio
W. Solotarjow                DasklostarFerapontow
(1942-1975)

G. Tailleferre                  Nocturne
(1892.1983)

Palmer-Hughes               Variations (based on the ThemePaganini’s Caprice  Op.1 n.24).

 

Responsabile Comunicazione con i Media, Prof.ssa Olga Sarcinella

Associazione

CENTRO ARTISTICO MUSICALE CAELIUM

Via Ospedale Vecchio n. 16  - 72013 Ceglie Messapica (Br) - Tel/Fax 0831 388580 - 0831 377049

e-mail: info@associazionecaelium.it          sito web: www.associazionecaelium.it

martedì 26 aprile 2016

Lions Club Ceglie Messapica: "Incontro con l'autore e premiazione concorso "Accoglienza e solidarietà" (serata del 21 aprile 2016)

(Incontro con l'autore e premiazione concorso "Accoglienza e solidarietà")




Ricevo e pubblico con piacere





Presso l’atrio comunale in via E. De Nicola 2, a Ceglie Messapica giovedì 21 aprile 2016 si è svolta la seconda serata  Letteraria ‘Incontro con l’autore – 2016’, promossa dal Lions Club di Ceglie Messapica – Alto Salento, moderata dalla dott.ssa Agata Scarafilo. L’incontro ha riguardato un’autrice dalle inequivocabili doti comunicative Carmen Di Stasio; il suo libro ‘COME RACCONTARE LA MAGIA DELLE PAROLE’,  ha coinvolto grandi e bambini.
Durante la serata c’è stata la premiazione degli alunni della scuola Primaria di Ceglie Messapica che si sono particolarmente distinti nell’iniziativa e una lunga serie di attestati di merito e partecipazione. Il concorso, in linea con i principi costitutivi del Lions International, fondati sul motto ‘We serve’, ha voluto sollecitare una riflessione condivisa sul momento contingente che la civiltà del Mediterraneo sta vivendo e ha avuto l’obiettivo di promuovere riflessioni sull’importanza del mutuo sostegno, al fine di comprendere le proprie radici culturali. L’alunni premiata è stata:
Categoria Scuola Primaria - Premio Lions - alla rappresentazione grafico-pittorica,
URSO Annalisa, 4^A “Giovanni Bosco” 2° Istituto Comprensivo di Ceglie M.ca.
La serata è sarà allietata dalla presenza del Vicegovernatore Lions Pio Gallicchio.

F.to Il Presidente       
Massimo Gianfreda




(Incontro con l'autore e premiazione concorso "Accoglienza e solidarietà")


 Incontro con l'autore e premiazione concorso "Accoglienza e solidarietà")



Incontro con l'autore e premiazione concorso "Accoglienza e solidarietà")


Incontro con l'autore e premiazione concorso "Accoglienza e solidarietà")


Incontro con l'autore e premiazione concorso "Accoglienza e solidarietà")


Incontro con l'autore e premiazione concorso "Accoglienza e solidarietà")

lunedì 25 aprile 2016

Parrocchia San Rocco: il 24° dell'ordinazione sacerdotale di Don Lorenzo Elia

(San Rocco, il 24° anniversario dell'ordinazione sacerdotale di Don Lorenzo Elia, foto V. Suma)


"Andate in tutto il mondo e predicate il Vangelo ad ogni creatura".

Auguri Don Lorenzo! 





(San Rocco, il 24° anniversario dell'ordinazione sacerdotale di Don Lorenzo Elia, foto V. Suma)



(San Rocco, il 24° anniversario dell'ordinazione sacerdotale di Don Lorenzo Elia, foto V. Suma)



(San Rocco, il 24° anniversario dell'ordinazione sacerdotale di Don Lorenzo Elia, foto V. Suma)





(San Rocco, il 24° anniversario dell'ordinazione sacerdotale di Don Lorenzo Elia, foto V. Suma)



(San Rocco, il 24° anniversario dell'ordinazione sacerdotale di Don Lorenzo Elia, foto V. Suma)


(San Rocco, il 24° anniversario dell'ordinazione sacerdotale di Don Lorenzo Elia, foto V. Suma)


(San Rocco, il 24° anniversario dell'ordinazione sacerdotale di Don Lorenzo Elia, foto V. Suma)


(San Rocco, il 24° anniversario dell'ordinazione sacerdotale di Don Lorenzo Elia, foto V. Suma)



(San Rocco, il 24° anniversario dell'ordinazione sacerdotale di Don Lorenzo Elia, foto V. Suma)



(San Rocco, il 24° anniversario dell'ordinazione sacerdotale di Don Lorenzo Elia, foto V. Suma)


(San Rocco, il 24° anniversario dell'ordinazione sacerdotale di Don Lorenzo Elia, foto V. Suma)


(San Rocco, il 24° anniversario dell'ordinazione sacerdotale di Don Lorenzo Elia, foto V. Suma)



(San Rocco, il 24° anniversario dell'ordinazione sacerdotale di Don Lorenzo Elia, foto V. Suma)



(San Rocco, il 24° anniversario dell'ordinazione sacerdotale di Don Lorenzo Elia, foto V. Suma)







Damiano Leo:" Il panettiere"

(Damiano Leo, l'immagine è tratta dal profilo facebook  di Damiano Leo)

 Ricevo da Damiano Leo e pubblico il racconto "Il panettiere". Buona lettura!






"Il panettiere"
 
 
 
Puntuale come un orologio svizzero Carmelo si presentava alla fermata del pullman da ormai trent’anni circa.  A tracolla la sua consunta sacca con dentro la gamella per il pranzo. Quello che, amorevolmente, gli preparava sua moglie Giovannina.
Si segnava con il segno della croce. Salutava tutti e andava a sedersi in fondo, al suo solito posto. Quasi sempre lasciato libero proprio per lui, che meritava rispetto, non fosse altro che per la sua età, ma anche perché il panettiere, questo il suo mestiere, si faceva ben volere da tutti. Mai uno screzio con nessuno, una parola fuori posto. Carmelo era sicuramente un gran lavoratore: serio, onesto, instancabile, un vero galantuomo.
Al forno, dove si recava tutte le mattine, lo tenevano in gran considerazione. Eppure quando c’era stato bisogno di licenziare il primo a cadere era stato proprio lui. Nonostante avesse quattro figli da mantenere. Forse perché solo lui non avrebbe opposto resistenza, buono ed educato com’era.
La grande filiera, anche nel paese dove lavorava Carmelo, aveva dato scacco matto alle piccole imprese. In tanti avevano chiuso. Al  forno dove lavorava dovevano ridurre l’organico, purtroppo. C’era posto soltanto per titolare e familiari.
Carmelo non volle farsene una ragione. Non poteva, proprio non poteva. Figli e moglie improvvisamente senza il suo unico stipendio. Che fare? Come dirlo?
Gli mancò il coraggio e non lo disse. Non lo disse mai. Seguitò per mesi ad alzarsi al solito orario, prendere il solito pullman, la solita vecchia sacca con dentro la gamella che Giovannina gli preparava per il pranzo. Rientrava all’ora di sempre. Un bacio alla moglie e, di corsa, in bagno. A piangere. A battersi il petto.
Prima o poi succede a tutti di arrivare in ritardo, alla fermata del pullman. Una sera, Carmelo, non rincasava, all’ora di sempre.
“Rientrerà più tardi”, pensò la moglie. Per niente. Quella sera, Carmelo, non rientrò.
Non poteva rientrare.
Giovannina lo apprese dal giornale-radio. Finalmente avevano catturato uno strano ladro. Sei rapine messe a segno sempre con lo stesso bottino. Né una lira di meno, né una lira di più. Ottocento mila lire: la paga di un operaio. La paga di Carmelo, il panettiere.
 
 


giovedì 21 aprile 2016

Incontro con l'autore: presentazione del libro di Carmen De Stasio e premiazione concorso "Accoglienza e solidarietà"

(Presentazione del libro di Carmen De Stasio, foto V. Suma)





 
 
 
 
 
 
 
(Presentazione del libro di Carmen De Stasio, foto V. Suma)

 
(Presentazione del libro di Carmen De Stasio, foto V. Suma)
 
 
(Presentazione del libro di Carmen De Stasio, foto V. Suma)
 
 
(Presentazione del libro di Carmen De Stasio, foto V. Suma)

 
 
(Presentazione del libro di Carmen De Stasio, foto V. Suma)
 
 
(Presentazione del libro di Carmen De Stasio, foto V. Suma)
 
(Presentazione del libro di Carmen De Stasio, foto V. Suma)
 
 
(Presentazione del libro di Carmen De Stasio, foto V. Suma)


 









Lions Club Ceglie Messapica: "Icontro con l'autore": Carmen De Stasio

 
 
 
 
 
 
Presentazione del libro di Carmen De Stasio "Come raccontare la magia delle parole"


(Carmen De Stasio)


Di lei dice Franca Alaimo: ‘Nella letteratura la De Stasio entra con un suo passo narrativo inconfondibile, caratterizzato dall’abbondanza di immagini, dalla fluidità della struttura sintattica, e dalla musicalità sottolineata dalla presenza, all’interno dei periodi, di rime, assonanze e consonanze e perfino di metri, (…) come nella poesia, i suoi simboli e oggetti magici gettano ponti fra cose distanti e le metafore aggiungono immagini alle immagini scovando affinità impensabili, il nascosto legame ‒ Carmen De Stasio rende omaggio ai suoi maestri di cerimonie poetiche, tra i quali il romantico Byron’.
 
Durante la serata saranno coinvolti e premiati gli alunni della scuola Primaria dei due Istituti Comprensivi di Ceglie Messapica.
I premiati riceveranno il loro riconoscimento dalla Giuria del Concorso, così composta: Massimo Gianfreda, Presidente Lions Club Ceglie Messapica – Alto Salento; Silvano Pellegrini, già docente presso l’Accademia di Belle Arti di Foggia; Maria Antonietta Epifani, docente presso il Liceo Musicale ‘Durano’ di Brindisi; Damiano Leo, poeta e scrittore; Silvano Marseglia, Presidente Rotary Club – Ceglie Messapica.
 

 
 
 
Carmen De Stasio
BREVE BIO-BIBLIOGRAFIA
 
Scrittore, saggista, critico, docente di Lingua e Cultura Inglese. Vive a Brindisi. Impegnata in ricerche confluite in conferenze e saggi sui processi artistico-letterari, è autrice di un romanzo (Oltre la nausea), racconti (tra cui la raccolta Come raccontare la magia delle parole – Riconoscimento 2° «Premio Sirmione» 2015) e testi di saggistica.
Tra gli ultimi (in ordine di tempo) impegni congressuali, si rammenta il suo contributo al Convegno di Studi dedicato a Benedetto Radice (Bronte – Catania) e al Certamen “Giustino Fortunato” (Rionero in Vulture – Potenza). Precedenti, ma di non minor rilevanza: La poesia di Ciro Vitiello (c/o Facoltà di Lettere – Bari); Armando Lostaglio (giornalista, membro Giuria Nastri d’Argento - Venezia, presso Libreria del Cinema – Roma); Progetto Regionale Poiesis; Mutamenti socio-culturali al femminile a partire da Oltre la nausea; I profughi istriani e le foibe (Workshop c/o Palazzo Pirelli – Regione Lombardia – Milano).
Autrice di soggetti e sceneggiature (testo e voce narrante documentario storico L’Ultimo Trainiere). Voce narrante docu-film L’aeroporto fantasma (regia di Giuseppe Ferrara).
Impegnata anche in ambito artistico in qualità di curatore, è chiamata a presiedere manifestazioni di prestigio. Numerosi i testi per riviste e cataloghi dedicati ad artisti nazionali e internazionali (suo testo su artista post-futurista F. Grisi è stato presentato all’Istituto di Italianistica a Strasburgo). Dedicati all’arte sono due Prefazioni in fase di pubblicazione: una per volume scritto da Docente dell’Univ. Sapienza – Roma; la seconda per testo di Docente Accademia Belle Arti – Catania.
Tra i saggi letterari si rammentano quelli dedicati a: I. Apolloni (a lui è dedicata una Monografia artistica: Estetica generativa – i «luoghi» di Ignazio Apolloni), F. Alaimo, P. F. Bruni, A. Cardamone, V. Consolo, T. S. Eliot, V. Fabra, Dada, Futurismo e le forme sperimentali dei linguaggi, A. Lostaglio, N. Machiavelli, C. Michelstaedter, G. Papini, M. Proust, B. Radice, L. Sastri, C. Vitiello, L. Zinna, W. B. Yeats, V. Woolf.
I suoi saggi sono pubblicati su riviste e antologie nazionali e internazionali.
Presiede il Comitato Scientifico Centro Studi “Geremia Re” (artista post-futurista)


mercoledì 20 aprile 2016

Tonino Fugazzaro

(Tonino Fugazzaro, foto famiglia Fugazzaro)




L’Amarcord di oggi è dedicato ad una persona speciale, ad un uomo solare e simpatico: Tonino Fugazzaro. Gaetano Fugazzaro, meglio conosciuto come Tonino ( sin da bambino tutti lo chiamavano Tanino), nasce a Montemesola (Ta) il primo febbraio 1951 (il cognome Fugazzaro ha origini veneziane). Verso la metà degli anni ’70 Tonino si trasferisce a Ceglie Messapica, città d’origine della moglie (Giovanna Sgura) e, insieme prendono in gestione lo storico Caffè Centrale, in Corso Garibaldi 22.
(Tonino Fugazzaro e Giovanna Sgura, foto famiglia Fugazzaro)


Il Bar Centrale fu avviato da Donato Gallone, noto come Ticch di Magghione, un bravo pasticciere e custode geloso della ricetta del biscotto cegliese. Successivamente, l’attività fu gestita da Ignazio Lorusso (mestru Ignazie u ramare) zio della signora Giovanna.




(Caffè Centrale, Ceglie Messapica, Corso Garibali 22, foto. V. Suma)


 
Tonino si contraddistingueva per il suo carattere estroverso e solare. Ogni cliente che entrava nel bar veniva accolto dal suo sorriso e dai suoi modi gentili e affettuosi. Battute come “Gioia mia” e, per i più piccoli pupo o pupo bello, rispecchiavano la sua bella personalità. Durante la sua lunga attività, Tonino si è contraddistinto per la produzione di gelati, dolci e in particolare per gli ottimi spumoni. Per bagnare il pan di spagna dello spumone, Tonino utilizzava un liquore particolare, ottenuto da un’antica ricetta ereditata da un’anziana signora di Ceglie. Inoltre, Tonino è stato uno dei primi a rilanciare il Biscotto cegliese. Con la sua creatività Tonino ha creato un'Eccellenza.

(Biscotto cegliese prodotto dal Caffè Centrale, foto V. Suma)





Oggi il caffè centrale viene gestito dai figli Maria Cristina e Gaspare. Dopo la morte di Tonino, Cristina e Gaspare hanno creato un marchio “Gioia Mia”. Si tratta del liquore prodotto in precedenza da Tonino.  
Il bar centrale, ancora oggi, rappresenta un punto di riferimento importante non solo per i cegliesi ma, anche per i  molti forestieri che vengono per degustare le nostre prelibatezze culinarie.


(Liquore "Gioia Mia" prodotto dai fratelli Fugazzaro)





Caffè Centrale

Pasticceria  - Gelateria dei Fratelli Fugazzaro

Ceglie Messapica, Corso Garibaldi 22, tel. 0831 371062 - email caffecentrale@yahoo.it   

Lions Club Ceglie Messapica: Incontro con l'autore e premiazione concorso "Accoglienza e solidarietà"

(Premiazione alunno Scarcia Martino)






 
Ricevo e pubblico
 
 
 
Il Lions Club Ceglie Messapica – Alto Salento, ha promosso, con grande successo di pubblico, presso l’atrio comunale in via E. De Nicola 2, a Ceglie Messapica giovedì 14 aprile 2016 una serata  a tema, moderata dalla dott.ssa Agata Scarafilo, conciliando la Rassegna Letteraria ‘Incontro con l’autore – 2016’con presentazione del libro di Alfonso Casale ‘LA VIA FRANCIGENA NEL SUD’ e la premiazione del Concorso "Accoglienza e solidarietà".
ll libro di Alfonso Casale è uno studio ricco di spunti significativi sulla valorizzazione dei nostri itinerari tardo antichi e altomedievali, specchio della nostra storia e della nostra civiltà (cit. Giorgio Otranto). Il concorso ha coinvolto gli alunni e docenti partecipanti all’iniziativa (Scuola Secondaria di Primo e Secondo Grado) con l’assegnazione di tre Premi Lions ad alunni degli istituti scolastici di istruzione secondaria di Ceglie Messapica che si sono particolarmente distinti nell’iniziativa e una serie di attestati di merito e partecipazione.
Il concorso, in linea con i principi costitutivi del Lions International, fondati sul motto ‘We serve’, ha voluto sollecitare una riflessione condivisa sul momento contingente che la civiltà del Mediterraneo sta vivendo e ha avuto l’obiettivo di promuovere riflessioni sull’importanza del mutuo sostegno, al fine di comprendere le proprie radici culturali.
Gli alunni premiati sono:
Categoria Scuola Secondaria di Primo Grado - Premio Lions ex-aequo:
allo scatto fotografico, ARGENTIERO Gianvito, 2^ A “L. da Vinci” 2° Istituto Comprensivo di Ceglie M.ca
allo scatto fotografico, FUMAROLA Gabriele Luca, 2^D “G. Pascoli” 1° Istituto Comprensivo di Ceglie M.ca
Categoria Scuola Secondaria di Secondo Grado - Premio Lions:
alla poesia,  “PICCOLO GRANDE UOMO”, SCARCIA Martino, IV Liceo Classico “C. Agostinelli” di Ceglie Messapica.
Il prossimo incontro sarà il 21 aprile 2016 alle ore 18,30 sempre presso l’atrio comunale in via E. De Nicola 2, a Ceglie Messapica e vedrà la presentazione del libro di Carmen De Stasio ‘COME RACCONTARE LA MAGIA DELLE PAROLE’. Durante la serata saranno coinvolti e premiati gli alunni della scuola Primaria dei due Istituti Comprensivi di Ceglie Messapica.
La serata sarà allietata dalla presenza del Vicegovernatore Lions Pio Gallicchio.
 
F.to Il Presidente       
Massimo Gianfreda
 
(Premiazione alunno Fumarola Gabriele)
 
 
 
(I lavori realizzati dai ragazzi)
 
 
 
(Premiazione alunno Argentiero Gianvito)